Itinerario 2

LA VIA DEL GRANO: IL CONTROLLO DEI LONGOBARDI SUI SARACENI PER IL MONOPOLIO ECONOMICO DEL GRANO IN ITALIA MERIDIONALE

Per rendere fruibile il materiale storico, artistico, culturale della città di Benevento nel periodo longobardo del IX secolo utilizzando le fonti e gli studi storici pubblicati negli ultimi decenni è stato creato un percorso guidato a più livelli che approfondisce gli aspetti economici e politici, le peculiarità e l’evoluzione del territorio beneventano. Conoscere gli eventi politici in una visione anche economica permetterà di comprendere eventi socio-economici  legati a fenomeni di integrazione tra popoli.

Il Principato di Benevento nel IX secolo dominava il Molise fino al Gargano, le Puglie fino a Taranto, territori a vocazione cerealicola la cui produzione giungeva a Benevento per essere venduta e  utilizzata nei numerosi mulini ubicati nella zona ovest della città, tra la confluenza del Sabato con il Calore. Con il sopraggiungere dei Saraceni il transito del grano dalla Puglia e dalla Basilicata si bloccava creando una crisi agricola ed economica ciclica.

Il Triggio era un quartiere operaio, la città nuova longobarda di Arechi II, in cui si accedeva dal Duomo attraverso l’Arco del Sacramento, porta in mattoni dell’epoca post-traianea, affiancata da un’odierna area archeologica ben valorizzata.

Il quartiere ebraico tra Piano di Corte  e via Bartolomeo Camerario era abitato da una fiorente comunità di ebrei, esperti tessitori e tintori, e nel Vico Santo Stefano, avevano una sinagoga che, nel periodo della più feroce discriminazione ebraica, venne chiamata S. Stefano de Iudecca, o S. Stefano de Plano Curiae e, infine, S. Stefano De Neophitis perché convertiti al cattolicesimo. La comunità venne repressa nel 1569 dal Tribunale dell’Inquisizione di Benevento.

Nell’area del Triggio e in altri luoghi della città numerosi sono stati i sepolcreti ritrovati dagli scavi archeologici di età alto-medievale.

 


LUOGHI

TRIGGIO (VISITABILE)

AREA DELL’ARCO DEL SACRAMENTO (VISITABILE)

DUOMO – PORTA DI BRONZO (VISITABILI)

VIA E. MUTARELLI – VICO S. STEFANO (VISITABILI)

PIANO DI CORTE – CHIESA DI S. SOFIA (VISITABILI)

ROCCA DEI RETTORI (VIA DEI MULINI) (VISITABILI E TRACCE) 

 

COSTI PER INGRESSI, ATTIVITÀ DIDATTICHE E VISITE GUIDATE

(i costi indicati sono quelli attualmente in vigore)

Chiostro di Santa Sofia e Museo del Sannio: 2,00 € a studente; 4, 00 € per adulto;

Gli ingressi agli altri siti sono gratuiti.

 

 

 

Scarica o stampa il percorso

Itinerario2